Baldelli (FdI) al carcere di Pesaro per tutelare il lavoro della polizia penitenziaria

l'on cirielli e baldelli
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Pesaro – Fratelli d’Italia con l’on. Cirielli, accompagnato dal segretario provinciale Antonio Baldelli, ha fatto visita alla Casa Circondariale di Pesaro. Commenta Baldelli: “Una visita fortemente voluta da Giorgia Meloni per la tutela delle condizione di lavoro degli uomini e delle donne della Polizia Penitenziaria di Pesaro, Perugia, Messina Roma, Milano e del resto d’Italia. Fra i punti programmatici per il prossimo Governo proprio: 1) certezza della pena; 2) nuove carceri; 3) tutela delle condizioni lavorative e della dignità della Polizia Penitenziaria”. L’on. Cirielli, responsabile nazionale giustizia del partito di Giorgia Meloni, ha parlato dell’esigenza che il futuro Governo dovrà tornare ad occuparsi dello stato delle carceri: “FdI si schiera dalla parte della polizia penitenziaria abbandonata dal governo e costretta a lavorare in condizioni anche peggiori dei detenuti. Le autorità in visita alle carceri sinora si sono occupate solo delle condizioni di quest’ultimi, quasi fossero delle vittime, e mai di chi serve lo Stato. Dopo l’approvazione strumentale di una norma definita reato di tortura – aggiunge – ma che in realtà sarà uno strumento per colpire le Forze dell’Ordine, era necessario ribadire che i nostri uomini e le nostre donne della polizia sono persone perbene vittime di continue aggressioni in carcere. La presenza poi di quasi 20mila detenuti stranieri, tra cui moltissimi islamici, sta creando una situazione esplosiva. Quando saremo al governo ci batteremo perché il carcere sia un posto civile dove gli italiani dovranno scontare una pena certa e dove chi lavora servendo lo Stato sarà trattato con dignità e riconoscenza. Gli stranieri dovranno scontare la pena nel loro paese di origine e i loro stati dovranno accoglierli pena la denuncia di ogni accordo di cooperazione economica – cioè finanziamenti a fondo perduto da parte nostra – di cui l’Italia abbonda sempre”.

Cosa ne pensi? Lascio un commento!