Una birra solidale per aiutare Caldarola e Force. Traversini: iniziativa che ha il nostro sostegno

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

La birra artigianale diventa “solidale” grazie all’iniziativa dell’associazione produttori “Marche di birra” che ha scelto di realizzare un prodotto “ad hoc” per sostenere le comunità di Caldarola e Force (Ap) colpite dal terremoto.
Prodotta con orzo unicamente di provenienza regionale, “Marca Futura” è realizzata nel birrificio Laurus di Recanati, ma alla sua produzione hanno contribuito tutti e 19 i birrifici soci dell’associazione.
“Un’iniziativa di solidarietà – ha sottolineato il presidente della Commissione regionale ‘Sviluppo economico’, Gino Traversini, nel corso della presentazione – che ha tutto il nostro sostegno. Il mondo marchigiano della birra artigianale, un settore giovane e intraprendente, con questo progetto si è mostrato particolarmente sensibile e generoso”.
“Marca Futura” è una birra chiara Golden Ale, di basso grado alcolico (4,5% vol.), disponibile sia in fusto sia in bottiglia, che sarà venduta presso i birrifici soci di “Marche di birra” e durante gli eventi a cui l’associazione parteciperà. “Si tratta di un progetto che unisce la qualità della birra artigianale – ha evidenziato l’assessore regionale alla Protezione Civile, Angelo Sciapichetti – alla solidarietà. Stiamo attraversando un momento particolarmente difficile, ma grazie a iniziative come questa possiamo non solo fare del bene alle comunità colpite dal terremoto, ma contribuire anche al rilancio economico e sociale del nostro entroterra”.
Il ricavato della vendita della “birra solidale” sarà devoluto interamente alle comunità di Caldarola e Force. “Investiremo le risorse – ha evidenziato il sindaco di Force, Augusto Curti – in progetti legati al sociale e in particolare alla scuola”.
L’associazione di produttori “Marche di Birra” è stata costituita alla fine del gennaio scorso e riunisce 19 produttori, tra agricoli, artigianali e brew pub, che rappresentano la metà di quelli presenti sul territorio regionale. La scelta di chiamare la propria birra solidale “Marca Futura” ha un significato preciso. “La denominazione – ha spiegato il presidente dell’associazione, Ludovico Caverni – richiama il toponimo da cui deriva il nome della nostra regione e sottolinea anche il fatto che la nostra associazione è composta da birrifici situati in tutte le cinque province. Nello stesso tempo cerca di lanciare anche un messaggio di speranza per un futuro di rinascita post-sisma”.
La birra è stata prodotta in collaborazione e con il contributo anche di Mister Malt, Cobi, Bruni Glass, Cime Careddu, Ellecommerciale.