Presentato il calendario degli eventi del 5° centenario dell’assedio al Castello di Mondolfo

al centro il presidente dell'assemblea regionale Antonio Mastrovincenzo
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Mondolfo – Le Marche furono teatro dei fatti di quella che passò alla storia come “Guerra d’Urbino” scoppiata quando Francesco Maria I della Rovere decise di agire per recuperare il ducato di Urbino, da cui era stato spodestato nel corso dell’anno precedente da parte di Papa Leone X per assegnarlo al nipote Lorenzino de’Medici. Vengono così presentate nel Palazzo delle Marche le vicende che coinvolsero nel 1517 Mondolfo, pagina fra le più tragiche quanto eroiche di quelle vissute dal popoloso comune rivierasco adriatico, oggi ascritto fra i Borghi più Belli d’Italia.
Il Presidente dell’Assemblea Regionale, Antonio Mastrovincenzo, con il Sindaco di Mondolfo, Nicola Barbieri, assieme al consigliere Enrico Sora e all’Assessore Davide Caporaletti hanno presentato il calendario degli eventi che videro impegnata Mondolfo.
Si inizierà lunedì 3 aprile, con un doppio appuntamento nella data fatidica dell’Assedio, che vedrà al mattino coinvolti gli alunni dell’ICS “Enrico Fermi” con l’istituzione della Giornata della memoria mondolfese; a sera poi, letture di brani tratte dalle cronache dell’Assedio, alle ore 21, nella Sala del Consiglio.
Ospiti d’eccezione per gli appuntamenti che si potrarranno tutto l’anno, con lezioni tenute dal prof. Vittorio Sgarbi (19 giugno) così come dal prof. Franco Cardini (24 giugno). Per tutta la stagione estiva una mostra didattica dedicata alle macchine da guerra rinascimentali ideate da Leonardo da Vinci sarà allestita nel Complesso Monumentale di Sant’Agostino, insieme ad altre d’arte come quella di Filippo Sorcinelli (28 luglio-5 agosto) intitolata “Vedere e Credere”. Ben tre gli appuntamenti a settembre all’interno del castello martiniano, con la rievocazione storica de La Cacciata con le sue imperdibili “Giornate rinascimentali al castello” (2-3 settembre) del gioco del pallone col bracciale, praticato proprio in quelle mura cittadine teatro dell’assedio. Anche l’emissione di un francobollo della Repubblica Italiana, raffigurante l’Abbazia di San Gervasio – protettore invocato sulle mura durante l’assedio – sarà parte delle celebrazioni il 15 settembre mentre, una giornata di studi dedicata alla “Guerra d’Urbino” chiuderà poi le celebrazioni sabato 30 settembre quando verrà apposta una epigrafe a ricordo di questo centenario. Iniziativa che gode del patrocinio del Consiglio Regionale delle Marche, vede il Comune di Mondolfo promotore di un progetto di ampio respiro culturale e sociale, grazie alla collaborazione delle Associazioni del territorio e dell’Archeoclub d’Italia sede di Mondolfo, ICS “E. Fermi”, Monte Offo e Pro Loco Mondolfo.  (Info: www.comune.mondolfo.pu.it)