Un evento molto, molto speciale: “L’arte della diversità. Giacomelli, Tortelli, Bastari, Edoardo”

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

“Non ho mani che mi accarezzino il volto”. Questo il titolo di una serie di opere di Mario Giacomelli che sono state esposte al MoMa di New York e recentemente a Palazzo Braschi a Roma, che pone l’accento sulla mostra “L’ARTE DELLA DIVERSITA'”, in programma a Palazzo Bracci Pagani dal 29 marzo al 7 aprile in concomitanza della settimana mondiale dell’autismo, promossa da Fondazione ARCA – Autismo Relazioni Cultura e Arte e OASI Confartigianato Marche.
Oltre alle opere di Giacomelli, saranno presenti le opere di Renzo Tortelli, Walter Bastari ed Edoardo, un bambino “speciale” che per la prima volta espone le sue opere.
La mostra si aprirà Mercoledì 29 marzo con un convegno, alle ore 17 presso la Sala di Rappresentanza della Fondazione Carifano, dal titolo “L’Arte come veicolo di comunicazione universale: sociale, culturale, territoriale” a cui seguirà il vernissage alle ore 19 presso Palazzo Bracci Pagani, arricchito dall’esecuzione di alcuni brani da parte della musicista Elena Lodovici, pianista e promotrice di progetti culturali legati al mondo della musica e del sociale.
“La mostra ha una doppia finalità: quella di promuovere la diversità non come ostacolo ma come valore e di contribuire allo sviluppo culturale del territorio. Le imprese balneari di OASI, attraverso la realizzazione diprogetti concreti, dimostrano in questo modo di essere parte attiva nella realizzazione di eventi – o nella promozione di quelli esistenti, come avvenuto per il challenge fotografico legato al Carnevale di Fano – e di lavorare costantemente allo sviluppo turistico del territorio, non solo in concomitanza della stagione estiva”- afferma Filippo Borioni, Presidente di OASI Confartigianato Marche.
Un programma denso di eventi e che coinvolge diverse eccellenze del territorio. Due gli appuntamenti a Palazzo Bracci Pagani per “Aperitivo con l’arte” che prevedono delle visite guidate alla mostra con ospiti d’eccezione come il noto fotografo Lorenzo Cicconi Massi, le cui opere sono esposte in questi giorni a Montecitorio, che Venerdì 31 marzo alle ore 18 parlerà della fotografia di Giacomelli a Palazzo Bracci Pagani; il secondo appuntamento in programma per Sabato 1 aprile, sempre a Palazzo Bracci Pagani alle ore 18, è con la Dott.ssa Vera Stoppioni, Direttrice del Reparto di Neuropsichiatria infantile, che insieme al Maestro Alfredo Pacassoni parlerà di creatività e di insegnamento dell’arte, partendo dalle opere di Edoardo.
A seguire, grazie alla collaborazione con Azienda Agraria Guerrieri e Gastronomia Beltrami, una degustazione dei prodotti di eccellenza del territorio. A concludere il programma degli eventi collaterali la proiezione del documentario di Roger Ross Williams – candidato al premio oscar – “Life Animated”; Venerdì 7 aprile alle ore 21.15, presso il Cinema Politeama, partner dell’evento insieme a I Wonder / Biografilm Festival.
Oltre a quelli citati, vorrei ringraziare di cuore tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione di questo evento, dimostrando grande sensibilità e impegno sociale: DNA per la realizzazione del materiale pubblicitario, la Pasticceria Arturo per il catering del Vernissage, la Protezione Civile per aver contribuito ad illuminare di blu Palazzo Bracci Pagani, la Cooperativa Auser che ci ha aiutato a garantire l’apertura giornaliera della mostra. Non da meno L’Assessore Marchegiani e L’Assessore Bargnesi per il loro appoggio e, naturalmente la Fondazione Carifano per averci concesso lo spazio espositivo. La dimostrazione che insieme si possono fare grandi cose per il territorio”, conclude Borioni.
Si associa ai ringraziamenti anche Francesca Pongetti, Presidente della Fondazione ARCA: “Con questa iniziativa la Fondazione ARCA, grazie a tutti i suoi interlocutori pubblici e privati, ha l’onore di mettere in risalto l’aspetto artistico di tutti i ‘diversi’ e, per dirlo con le parole di Paul Klee, ‘concretizziamo l’arte in quanto non riproduce ciò che è visibile ma rende visibile ciò che non sempre lo è’”.