Consorzio di Bonifica, Giacomo Rossi: non paghiamo tasse ingiuste e dannose per i cittadini

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Entra nel vivo la battaglia del Comitato regionale “NO Tassa di Bonifica Marche”. I membri del comitato e del Coordinamento civico Marche, si sono riuniti a Genga dove si è tenuta una riunione molto partecipata nella quale si è discusso del ricorso legale collettivo contro Equitalia ed il Consorzio che verrà curato da alcuni avvocati marchigiani, coordinati dall’avvocato Carlo Angelini di Fermo.
Giacomo Rossi del Coordinamento civico annuncia: “Durante la serata di Genga ci siamo confrontati con molti cittadini della zona ai quali abbiamo presentato le varie opzioni di intervento. Ora non appena i tartassati da questa tassa riceveranno la cartella esattoriale di Equitalia (diversa dalla prima cartella “intimidatoria” e poco chiara che Equitalia sta già mandando) devono immediatamente contattare il Comitato che sta già improntando il ricorso legale collettivo. Ci domandiamo cosa possa chiederci Equitalia visto che esige un pagamento per conto del Consorzio di Bonifica, il quale non ha nessuna dimostrazione di averci inviato il bollettino, avendolo spedito in posta ordinaria”.
Aggiunge Rossi; “Oltre alla forma del tributo, contestiamo anche la legittimità del Consorzio e del contributo di Bonifica. Da questo lato ci stiamo muovendo con l’aiuto di quei pochi amministratori locali che non hanno ceduto alle lusinghe del Consorzio”.
Il pubblico presente alla riunione ha più volte espresso disappunto per il comportamento delle associazioni agricole, ree secondo la platea di essersi piegate ai voleri del Consorzio. Il Comitato organizzerà subito altre assemblee in tutto il territorio regionale.

Per contattare il Comitato si può fare riferimento al 348.0058169 o alla Pagina FB “NO Tassa di Bonifica Marche”.