Tentata truffa in un funerale; cercavano di farsi cambiare 50 euro per accendere i lumini della chiesa

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Monte Porzio – L’occhio vigile dei fedeli, insieme alla tempestiva collaborazione con le forze dell’ordine, ha sventato un pericoloso raggiro nella chiesa di Sant’Antonio da Padova. La parrocchia di Castelvecchio, già finita nel mirino dei ladri giorni fa con un tentato furto con scasso, ha vissuto l’altro pomeriggio minuti di allarme per la presenza in chiesa di due persone sospette, un uomo e una donna vestiti con abiti trasandati e sorpresi a chiedere di cambiare ingenti quantità di denaro per fare delle offerte.
In particolare, secondo quanto hanno ricostruito gli agenti della polizia municipale coordinati dal comandante Goffredo Carbonari, i due soggetti durante lo svolgimento di un funerale pubblico hanno chiesto in modo anomalo di cambiare delle banconote da 50 euro per accendere alcuni lumicini in chiesa. Considerato l’allarme già generato dal tentato furto con scasso dei giorni precedenti, è scattata subito la segnalazione alle forze dell’ordine. I due sconosciuti, infatti, si sono dati alla fuga.
Il comportamento anomalo non è passato inosservato alla pattuglia della polizia municipale di Monte Porzio. E’ partito l’inseguimento per le vie della cittadina dove poco dopo è stata fermata una Opel Micra grigia con a bordo i due fuggitivi. Contemporaneamente, con il supporto della locale pattuglia dell’Arma dei carabinieri, l’uomo e la donna sono stati portati in caserma e quindi identificati. A loro carico, pendevano già diversi precedenti per furto e truffa. Entrambi residenti a Padova, 39 anni lui e 49 anni lei ma senza legami di parentela, sono stati di nuovo segnalati. I carabinieri hanno rinvenuto addosso un’ingente somma di denaro.