Niente ‘mediazione’, l’Università di Urbino fuori dal podio. Vince Sassari

Nella foto il team urbinate. Da sinistra: la prof. Elisabetta Righini, il coach Alberto Bampagna, Alessandra Gramolini, Virginia Morgani, Giovanni Todaro, Chiara Benigni, il coach Giovanni Corsini.
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Urbino – L’Università di Sassari ha vinto la Competizione italiana di mediazione, battendo 120 avversari di altri 24 atenei italiani alla V edizione delle “Competizione Italiana di Mediazione” e organizzata dalla Camera di Commercio di Milano. Per la vasta partecipazione, Milano a livello europeo è seconda solo a Parigi.
Per quanto riguarda Urbino, l’entusiasmo, la correttezza, lo spirito di partecipazione, le ambizioni e la preparazione non sono stati premiati dalla classifica, ma è solo l’inizio. Il Dipartimento, la Cattedra di Diritto Commerciale e i Coach sono determinati e fermi nella volontà di portare avanti e consolidare questa iniziativa così costruttiva, innovativa e utile nella formazione di professionisti più competenti e nella diffusione di una cultura della mediazione dalla quale il nostro sistema giudiziario non può più prescindere.
Per ogni incontro di mediazione ciascun ateneo ha schierato una squadra composta da 2 studenti, dei quali uno impersona la parte coinvolta nella controversia e l’altro il suo avvocato. I team si sono sfidati in una serie di procedimenti di mediazione simulate, con lo scopo di dimostrare le capacità dei propri rappresentanti a negoziare le controversie in modo cooperativo ed efficace. Gli incontri, della durata di 85 minuti, si sono svolti davanti ad un mediatore professionista esperto e ad altri due mediatori che hanno operato in veste di valutatori.