Donna sviene e rischia la morte, il 118 arriva dopo 20 minuti e senza medico

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Pergola – Pochi giorni fa la presentazione del nuovo chirurgo dell’ospedale di Pergola con tutto il ghota della sanità regionale, presidente Ceriscioli in testa. Oggi riscontriamo un disservizio molto importante che mostra che la sanità deve essere vicino ai bisogni reali dei cittadini. Un’anziana di 77 anni, operata a Pesaro 15 giorni, è svenuta in casa cadendo sul pavimento. Immediatamente è stato chiamato il 118 che è arrivato sul posto quando la 77enne si stava riprendendo, ma che era ancora in grave stato confusionale. La donna poi, fortunatamente, è stata dimessa dall’ospedale il pomeriggio stesso. Fin qui tutto regolare, ma il figlio della donna è a dir poco arrabbiato. Secondo lui, visto che abita non lontano dall’ospedale, l’autoambulanza è arrivata in grande ritardo e senza un medico.
Tutto questo, afferma il figlio, nonostante che le condizioni descritte al centralinista fossero gravissime: la mia mamma, operata 15 giorni fa all’ospedale S.Salvatore di Pesaro per aprire una carotide chiusa all’80%, è rimasta svenuta per oltre un quarto d’ora e non c’era modo di farle riprendere i sensi, tanto che ormai ci aspettavamo il peggio”. L’arrabbiatura forte perchè secondo lui il soccorso è arrivato in ritardo e non c’era neanche un medico. L’unico medico disponibile al pronto soccorso in quel momento era in un’altra autoambulanza diretta ad altra destinazione.
Questa volta è andata bene, la donna ha ripreso normalmente la sua vita, ma è necessario più che mai che il servizio di pronto soccorso sia più efficiente specialmente nelle zone dell’entroterra dove gli ospedali hanno limitato di molto i propri servizi.