Sottratti 25 mila euro dalle casse del comune. Adesso dovrà restituirli ma rischia una denuncia

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Fossombrone – Riscuoteva i soldi destinati ai servizi cimiteriali e se li teneva per se. Così in 8 anni ha intascato più di 25 mila euro. Un grave illecito scoperto grazie alle indagini del Nucleo di Polizia Tributaria di Pesaro, specificatamente delegate e coordinate dall’Autorità contabile, che hanno permesso così di accertare il mancato riversamento di somme riscosse dai cittadini e mai versate nelle casse del Comune. E’ la storia di un dipendente che ha sottratto negli anni un’importante cifra dalle casse dell’Ente.
La Guardia di Finanza di Pesaro, nell’ambito dell’attività di contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica, ha segnalato così alla Procura Regionale Corte dei Conti di Ancona, un dipendente del Comune di Fossombrone; segnalati all’Autorità contabile anche 6 persone, tra cui un altro dipendente pubblico, che a vario titolo, avrebbero dovuto vigilare in maniera efficace sulla specifica gestione di denaro pubblico: controlli e verifiche che non ci sono mai state tanto che la sottrazione di denaro è andata avanti per anni.
Sono state avviate le procedure di recupero nei confronti del diretto responsabile, che dovrà restituire le somme indebitamente trattenute. L’operazione, s’innesta nel quadro dell’azione strategica della Guardia di Finanza a contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica, rivolta alla prevenzione e repressione dei casi di indebita percezione di risorse destinate alla collettività, a salvaguardia dell’integrità dei bilanci pubblici, per assicurare legalità, equità ed efficienza nella gestione delle risorse.