Ferrovia Fano Urbino: dopo il voto unanime del Consiglio comunale adesso è la volta buona

foto di qualche tempo fa: l'On. La Malfa e Gambioli
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Cagli – Il Consiglio comunale di Urbino ha votato all’unanimità per l’utilizzo turistico della tratta ferroviaria Fano- Urbino. La dimostrazione che quando le scelte sono giuste anche la politica riesce a trovare un accordo. Sembra passato un secolo da quando l’allora presidente della provincia, Matteo Ricci, si prodigava per la definitiva dismissione di quest’importante struttura e proponeva una pista ciclabile. Allora si sollevarono dubbi e proteste, si tentò strumentalmente di dividere il popolo della Vallata del Metauro, col risultato di avere sindaci uno contro l’altro come ad esempio l‘ex sindaco di Fossombrone Pelagaggia, favorevole alla pista ciclabile, in contrapposizione a quello di Fermignano favorevole alla ferrovia.
Ora il vento è cambiato e la ragione sembra sia tornata, il ripristino della ferrovia Fano-Urbino non è più un miraggio e le forze politiche sembrano unirsi intorno a questa grande speranza con proposte concrete e unità d’intenti.
Quello che ha sempre mancato è l’interesse dell’Amministrazione del Comune di Fano, in tutti questi anni sembra che la questione non la riguardi e non si è mai espressa a favore o contro alla tratta Fano-Urbino. Una mancanza grave che gli amministratori fanesi devono colmare al più presto. Non si può ignorare un collegamento così importante per la città di Fano con un’intera vallata.
La Vallata del Metauro. Un bacino che arricchirà la città di Fano sia dal punto di vista culturale, sia turistico, sia imprenditoriale-economico diventando così uno snodo strategico per l’intero territorio provinciale.
Il PRI sollecita pertanto il sindaco Seri a prendere un’iniziativa simile a quella di Urbino e porti la questione in Consiglio comunale. Un voto unanime degli amministratori di Fano al ripristino del collegamento ferroviario con Urbino rappresenterebbe la svolta definitiva per una concreta soluzione positiva per la tratta ferroviaria, poiché avremmo un’intera comunità unita, senza divisioni di parte a chiedere un servizio pubblico di grande valore e speranza.

(Il Presidente PRI Marche Giuseppe Gambioli)