Ancora un successo per la Polizia di Stato, presi 3 uomini con armi e droga

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Pesaro – Una pattuglia della Polizia di Stato, in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Pesaro, ha denunciato in stato di libertà due stranieri ed un cittadino italiano per diversi reati.
Questa operazione è riconducibile ai servizi di controllo che quotidianamente la Polizia di Stato svolge nel territorio, in particolare per il contrasto ai furti in abitazione, servizi che nell’ultimo periodo sono stati ulteriormente potenziati su disposizione del Questore Antonio Lauriola.
In tale contesto l’attenzione dell’equipaggio di un’autopattuglia, che si trovava a transitare in Strada Montefeltro, veniva attirata da una vettura Volkswagen Polo di passaggio, con tre uomini a bordo.
Gli Agenti, richiesto il supporto di una seconda pattuglia, decidevano quindi di procedere al controllo del veicolo e dei suoi occupanti, poi identificati per un cittadino albanese di anni 22, residente nell’entroterra pesarese, che si trovava alla guida, un italiano di anni 21 ed un cittadino marocchino 22enne, residente nell’entroterra di Cattolica, entrambi residenti nella zona di Cattolica.
Poiché i tre, tutti già noti alle Forze dell’Ordine, alla vista dei poliziotti palesavano un evidente nervosismo, si riteneva opportuno approfondire l’accertamento, anche effettuando perquisizioni sulle loro persone e sulla loro vettura. Venivano così rinvenuti nell’abitacolo, uno dissuasore elettrico tipo taser occultato sotto le sembianze di un cellulare I – Phone, due coltelli a serramanico ed un piede di porco, quest’ultimo nascosto all’interno dell’alloggio della ruota di scorta. Inoltre sul cittadino marocchino veniva rinvenuto un blocchetto di hashish del peso di circa 2,5 gr., motivo per il quale questi veniva segnalato alla Prefettura di Pesaro.
In particolare il taser risultava essere uno strumento estremamente pericoloso in quanto in grado di produrre potentissime scariche elettriche, con effetto incapacitante sul sistema neuromuscolare delle persone. Tutto il materiale recuperato veniva sequestrato.
Conseguentemente i due stranieri venivano denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per i reati di porto di strumenti atti ad offendere, in relazione al possesso dei due coltelli e del taser, a loro riconducibili sulla base delle verifiche esperite nella circostanza (il taser veniva ricondotto al cittadino marocchino in quanto occultato all’interno della tasca dello sportello anteriore destro, in corrispondenza del posto da lui occupato). Infine il cittadino albanese veniva anche denunciato in stato di libertà per il possesso ingiustificato di strumento atto allo scasso (ovvero il piede di porco).
La posizione dei tre soggetti è attualmente in fase di valutazione da parte della Divisione Anticrimine della Questura, ai fini dell’adozione di eventuali misure di prevenzione, come ad esempio il divieto di ritorno nel Comune di Pesaro.