Confesercenti, parliamo dei Buoni Lavoro. Servono per contenere il lavoro nero?

il direttore confesercenti roberto borgiani
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Pesaro – “Al di là e prima di ogni possibile o giusta polemica in materia, è d’obbligo capire, dati INPS alla mano, quanto lo strumento dei voucher sia realmente utilizzato dalle imprese per sostituire rapporti di lavoro a tempo indeterminato o piuttosto a coprire, almeno in parte, il fenomeno del lavoro nero”.
Così Roberto Borgiani, direttore Confeserenti Pesaro e Urbino, apre una riflessione sull’argomento voucher dicendosi assolutamente disponibile ad incontrare le altre associazioni di categoria e i sindacati ad un tavolo condiviso, come proposto dal segretario territoriale CISL Giovanni Giovanelli.
“Quello del voucher – continua Borgiani – è diventato uno strumento molto importante per il mondo del lavoro negli ultimi tre anni perciò ci rendiamo pienamente disponibili ad una discussione sul suo corretto utilizzo da parte delle categorie che rappresentiamo sul territorio. Vanno però, secondo noi, precisate alcune cose non da poco. Intanto il fatto che nonostante l’incremento dell’utilizzo di questo strumento, la percentuale per le categorie di commercio, turismo e servizi resta comunque bassissima. Sarebbe, poi, sbagliato non ammettere che una delle cause del successo di questo strumento sia la semplicità a livello burocratico per le imprese: questo non ne giustifica in nessun modo l’abuso, ma può essere punto di partenza per una riflessione sulle reali esigenze dell’imprenditoria. Infine, come non sottolineare che l’aumento dell’utilizzo del voucher è corrisposto al venir meno, a seguito dell’introduzione del Jobs Act, delle altre forme di contratto flessibile che sono state precedentemente previste?
Siamo, dunque, pronti ad un confronto con i sindacati partendo dai dati che può fornirci l’INPS in modo che insieme si possa analizzare approfonditamente la situazione senza lasciarsi andare all’onda emotiva creata dell’ammissione del referendum abrogativo”.
(da Confesercenti Pesaro-Urbino)