Banca Marche comprata ad un Euro; un affare che però preoccupa il personale

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Pesaro – E’ stata ufficializzata in mattinata, prima dell’apertura della borsa, l’offerta vincolante di Ubi per l’acquisto di Banca Marche, CariChieti e Banca dell’Etruria.
I termini per gli investitori sono apparsi così vantaggiosi per l’Ubi, che la borsa ha accolto la notizia con un aumento della quotazione del 2,5%, poi salito in mattinata al 8,0%, ma in costante ascesa. Ieri sera a Milano la Banca bergamasca, ha approvato e inviato al Fondo di Risoluzione, un’offerta vincolante per l’acquisto del 100% del capitale delle “good bank” nate dalla risoluzione di Banca Marche, Etruria e Carichieti».

Il prezzo offerto per l’acquisizione è di un euro; la cessione da parte delle tre good bank di circa 2,2 miliardi di crediti deteriorati lordi di cui 1,7 miliardi di sofferenze lorde e 500 milioni di inadempienze probabili lorde.
Sul personale Ubi Banca prevede una riduzione degli oneri operativi di Banca Marche, Etruria e Carichieti del 30% nel 2020 rispetto al 2015, rivedendo la forza lavoro, da concordarsi con le organizzazioni sindacali.
In Banca Marche però ci saranno comunque tagli negli sportelli e nel personale principalmente nelle aree a parziale sovrapposizione.