Calcio a5. L’Italservice vince e convince: 4 a 2 su un ostico avversario

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

PesaroFano da rimonta, sotto di 2-0, prima pareggia e poi vince su un Milano mai domo. Termina 4-2 il big-match tra la prima e la terza del campionato di serie A2.
Una partita che nella prima parte è stata giocata dalle difese, infatti il primo tempo termina 0-0. Un risultato alquanto insolito dato che entrambe le formazioni sono i migliori attacchi del girone.
Nella ripresa i locali hanno un piccolo black-out e i lombardi ne approfittano per sbloccare l’incontro.
Due gol che fanno male al team del presidente Pizza che però reagisce, ricompattandosi. E così si aziona la carica che porta i marchigiani a trasformare prima con Tres che apre le danze seguito da Burato. E’ 2-2 quando mancano 10′ alla chiusura della gara. Gli ospiti vanno in affanno, PesaroFano invece si entusiasma, anche grazie a un pubblico delle grandi occasioni. Infatti il PalaCampanara è tutto esaurito per vedere i campioni d’inverno. L’Italservice mette poi la freccia con il capitano Tonidandel a 1′ dal fischio finale. La ciliegina sulla torta però arriva con la rete di Halimi a 37” che esordisce alla grande davanti al pubblico amico.
Soddisfatto mister Cafù: “Ho visto una squadra che davanti alle difficoltà ha reagito con un grande atteggiamento”.
PesaroFano si conferma quindi al primo posto, iniziando il nuovo anno con la giusta determinazione.

ITALSERVICE PESAROFANO-MILANO 4-2 (0-0 p.t.)

ITALSERVICE PESAROFANO: Weber, Tonidandel, Hector, Stringari, Tres, Vagnini, Egea, Cuomo, Halimi, Burato, Lamedica, Gentiletti. All. Cafù
MILANO: Tondi, Gargantini, Luciano Mendes, Leandrinho, Fantecele, Juanpe, Esposito, Brioschi, Alan, Ghezzi, Mauri, Murdaca. All. Sau

MARCATORI: 3′ s.t. Leandrinho (M), 4’51” Gargantini (M), 8’27” Tres (PF), 9’35” Burato (PF), 19′ Tonidandel (PF), 19’59” Halimi (PF)
AMMONITI: Stringari (PF), Leandrinho (PF) ESPULSI: al 19′ s.t. Leandrinho (M), al 19’23” Alan (M)
ARBITRI: Gianni Maurizio Vecchione (Terni), Fabiano Maragno (Bologna)
CRONO: Lorenzo Cursi (Jesi)