Il 5 gennaio al via i Saldi con la crisi in tasca. Bene invece gli acquisti su internet

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Basta aspettare un po di giorni e possiamo trovare il cappotto a metà prezzo. Iniziano il 5 gennaio i saldi invernali in tutte le regioni italiane e le famiglie italiane avranno a disposizione un budget di circa 250 euro per gli acquisti.
Secondo le previsioni dell’Adoc la spesa per i saldi invernali è in leggera crescita rispetto allo scorso anno, anche se sempre contenuta.
La combinazione tra redditi bassi e spese irrinunciabili, come quelle sostenute per alimentazione, casa, trasporti e tasse, non permette comunque di destinare grosse cifre agli extra come i saldi. Anche perché arrivano, come sempre, dopo le festività natalizie e questo limita di molto la spesa.
Gli acquisti più ingenti si concentreranno infatti nel periodo finale, quando gli sconti arriveranno fino al 50-60%. Inoltre va detto che circa il 25% dei consumatori effettuerà acquisti a saldo su internet e questo non favorisce di certo i commercianti locali.
Sul web è sempre possibile approfittare di sconti e offerte, in media del 10-15%, tutto l’anno. Questo è uno dei motivi per cui la spesa per i saldi è sempre più contenuta. I consumatori preferiscono diluire la spesa per il vestiario durante i 12 mesi, piuttosto che concentrarla solo in un determinato periodo.
E’ ora che i negozi sotto casa, che anche questa volta soffriranno gli effetti della crisi, possano adottare questa soluzione, che offrirebbe un vantaggio sia per i consumatori che per i commercianti.
I saldi al momento favoriscono solo le grandi catene commerciali, che spesso operano in franchising, ma per i piccoli esercizi, soprattutto se dislocati nelle periferie, i guadagni non sono alti.

Cosa ne pensi? Lascio un commento!