Rapporto “Trend Marche” sull’artigianato e le piccole imprese. Si salva il terziario ma aumentano i poveri

Marche, piccole imprese in frenata salvate dal terziario. Nella prima parte del 2016 le aziende marchigiane sotto i 20 addetti hanno registrato un incremento del fatturato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente ma il ritmo della ripresa si è dimezzato rispetto alla fine del 2015 quando la crescita era stata del 6,4 per cento. Ad affermarlo il rapporto Trend Marche, presentato oggi da Confartigianato e Cna Marche in collaborazione con la Banca Popolare di Ancona, l’università di Urbino e l’università Politecnica delle Marche.
A commentare il rapporto l’Assessora regionale all’Industria e Artigianato Manuela Bora, i professori Ilario Favaretto dell’Università di Urbino e Gianluca Gregori dell’Università Politecnica delle Marche, il direttore della Banca Popolare di Ancona Nunzio Tartaglia. La conferenza stampa è stata presentata dal vicepresidente Confartigianato Marche Giuseppe Mazzarella e conclusa dal presidente di Cna Marche Gino Sabatini.

“A pagare il rallentamento” ha affermato Ilario Favaretto dell’Università di Urbino “sono state soprattutto le imprese conto terzi, che hanno visto il fatturato diminuire dello 0.8 per cento mentre le imprese artigiane e le piccole imprese continuano ad avere grandi difficoltà a portare i loro prodotti sui mercati internazionali”.
Una difficoltà, quella delle piccole imprese marchigiane, che trova conferma nella diminuzione delle spese per le retribuzioni (-6,8 per cento), per i consumi (-10,7) e per le assicurazioni (-6,2). A salvare l’artigianato e le piccole imprese da una nuova recessione sono state le aziende dei servizi e del terziario che hanno visto crescere il fatturato del 4,8 per cento. Pesante invece, il calo di fatturato nel manifatturiero (-3,1) mentre si è mantenuto stabile quello delle imprese edili (-0,2 per cento).
Guardando ai settori manifatturieri, Trend registra un crollo del fatturato della meccanica (-19 per cento) mentre per le imprese del legno mobile si ha un incremento del 5,9 per cento e per il sistema moda del 2,9 per cento. Nei servizi alla persona il fatturato aumenta del 5,5 per cento e del 3,6 per cento nell’autoriparazione. In calo i trasporti (-1,5).
La crisi dei distretti produttivi porta con sé un peggioramento delle condizioni di vita della famiglie. In un anno, secondo le elaborazione dei dati Istat dei Centri Studi Cna e Confartigianato, i marchigiani a rischio di povertà (con un reddito inferiore a 9.850 euro) sono passati da 188.246 a 214.477, con 26.231 nuovi poveri. Percentualmente i marchigiani poveri sono saliti dal 12,2 al 13,9 per cento. In crescita ma meno della media nazionale che è del 19,9 per cento. In aumento nella nostra regione anche i soggetti in stato di grave deprivazione. Sono quelli che non riescono a pagare le bollette, a sostenere spese impreviste superiori a 800 euro in un anno, a sostituire gli elettrodomestici e neppure una settimana di vacanza. A trovarsi in questa condizione sono 166.644 marchigiani (il 10,8 per cento mentre la media nazionale è dell’11,5 per cento) rispetto ai 146.585 di un anno fa (9,5 per cento). In pratica 20.059 marchigiani hanno varcato la soglia dello stato di grave deprivazione negli ultimi dodici mesi.

(nelle foto momenti del convegno)