Chiusura del distaccamento della polizia stradale. La palla adesso passa ai politici e amministratori fanesi

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Fano – Nel silenzio più totale si sta consumando l’ennesimo scempio per la città di Fano. Ci riferiamo alla prossima chiusura del Distaccamento Polizia Stradale.
Questo avviene senza che la politica batta ciglio, in una sorta di assenso, volto all’ulteriore svilimento della città. Sono ormai ben note, le volontà ministeriali e anche quelle periferiche, dirette a rinforzare il reparto autostradale che ricordiamo, svolge il proprio compito, esclusivamente in ambito autostradale, con l’immissione del personale del Distaccamento. Questo, anche e soprattutto, contro la volontà degli operatori stessi. Tutto ciò è voluto per tutelare un bene come la viabilità autostradale soggetta ad un una convenzione ormai trentennale con il Mistero degli Interni, come dire se “paghi”, avrai sicurezza.
Tutto questo, come sempre, a discapito della cittadina di Fano e di tutto il bacino d’utenza che ricompreso tra le città di Fano e Pesaro, annovera una popolazione di oltre 300.000 mila abitanti, stravolgendo completamente quello che è l’assetto della pubblica sicurezza nella Provincia, dove comandi dislocati a 50/40 chilometri da città come Fano o Pesaro, dovranno in maniera del tutto aleatoria garantirne la sicurezza. Negli anni abbiamo cercato in tutti i modi, anche e soprattutto con dati statistici alla mano, di far comprendere lo sbaglio macroscopico di tale scelta.
Purtroppo come succede sempre, i fautori di tali “idee”, non saranno più presenti, nei medesimi posti di comando, quando queste avranno dispiegato tutta la loro negatività. Questa strategia fallimentare avviene anche su pressione dei nostri vertici Regionali. Una strategia da fine impero osiamo dire, una concezione tendente, come la storia ci insegna, a raggrupparsi verso il centro ma tutto questo è comunque sempre stato il preludio della fine.
Lasciamo la palla, metaforicamente parlando in mano alla politica fanese che può essere la sola e unica a porsi come vero argine a questo nuovo colpo che rischia di abbattersi sulla città. In conclusione, vogliamo rivolgerci ai nostri Dirigenti. Tempo fà, veniva pubblicata sulla rivista “Polizia Moderna”, una intervista ad un grande imprenditore italiano, partito da zero e oggi uno degli uomini più facoltosi d’Italia. Questi asseriva che la sua fortuna fosse determinata dalla assoluta considerazione del cosiddetto ” fattore umano”.
L’articolo terminava con la domanda se noi, in Polizia, fossimo in grado di considerare tale aspetto fondamentale. Le giriamo la domanda, Signor Dirigente, ha considerato mai minimamente la volontà del personale del Distaccamento? Oppure da come ci è sembrato, la considerazione che ha di queste persone, perché persone sono e neanche tanto più giovani, è alla stessa stregua delle pedine del risiko?

(da Consap Pesaro Urbino – Confederazione sindacale autonoma di Polizia)

Cosa ne pensi? Lascio un commento!