Sono 77.680 i pesaresi che domenica 4 dicembre potranno recarsi alle urne in occasione del referendum popolare costituzionale. Tra questi, ben 47 centenari. I cittadini di Pesaro saranno chiamati a esprimersi in merito all’approvazione del testo della legge costituzionale riguardante “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”, approvato dal Parlamento (e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016).
Si potrà votare solo nella giornata di domenica, dalle ore 7 alle 23. Il referendum sarà valido indipendentemente dal numero dei votanti, in quanto non è previsto il raggiungimento del quorum.
Dunque, i cittadini che potranno recarsi alle urne per dire “Si” o “No” al referendum sono 77.680. Di questi 36.987 sono maschi e 40.693 femmine; del totale, 3.250 voteranno per corrispondenza, in quanto 3.180 sono elettori iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE) e 70 sono invece cittadini residenti a Pesaro che si trovano temporaneamente all’estero per motivi di studio lavoro.
Quattro i giovanissimi che potranno votare per la prima volta in occasione del referendum: un giovane che compirà 18 anni proprio il 4 dicembre e altri tre (un maschio e 2 femmine) che diventeranno maggiorenni il giorno prima del referendum.
Ben 47 i centenari, con uno schiacciante dominio delle “nonnine”, 38, contro 9 maschi.
(fonte comune di Pesaro)