Urbino – Fano si astiene e cosi sarà ancora tutto da decidere. L’ospedale unico deve ancora aspettare. I sindaci riuniti non hanno dato una indicazione certa. L’unica cosa che è emersa è che la struttura deve essere fatta in un terreno pubblico. Il niet su Fossosejore ormai è certo e chi aveva l’algoritmo come unica fonte di decisione dovrà ricredersi. 32 sindaci hanno così deciso di trovare un terreno pubblico. Chiaro come l’acqua che dovrà essere Muraglia, gli altri 24 si sono astenuti. Fa fracasso questa riunione che non è servita a nulla con la partita ancora tutta da giocare. Il fatto poi che non è stato messo all’ordine del giorno della riunione la proposta di Seri di togliere di mezzo l’algoritmo, fa presagire che la lotta è soltanto all’inizio e che in seguito ne vedremo delle belle.
Fano è lì indecisa politicamente su cosa fare e punta ancora su Chiaruccia, per trovare unità d’intenti e una nuova intesa nella maggioranza che dovrebbe poi garantire lunga vita al sindaco Seri.
Ancora però una volta senza una decisione vera. La gente, ormai si è spazientita. Tutta, l’intera vita di una comunità sta passando attraverso Fossosejore sì, Chiarucci, no, Muraglia nì. E’ mai possibile che tutto è incentrato in un ospedale unico che poi alle fine nessuno lo vuole realmente. Si perché molti pensano che questo alla fine sarà un carrozzone costato un occhio della testa ma che rimarrà una scatola semivuota senza le tanto decantate eccellenze e con servizi che non facilitano di certo l’utenza. Un terzo degli abitanti della provincia rimarrà fuori dall’utilizzo dell’ospedale Unico. Molti andranno nei più vicini e dotati ospedali di Gubbio e Città di Castello e quelli del Montefeltro e dintorni a Cattolica, Rimini e Morciano (n.c)

Questi i sindaci che hanno votato a favore per l’area pubblica: Acqualagna, Apecchio, Belforte all’Isauro, Borgo Pace, Carpegna, Fermignano, Frontone, Frontino, Gabicce, Gradara, Isola del Piano, Lunano, Macerata Feltria, Mercatello sul Metauro, Mercatino Conca, Mondavio, Montecalvo in Foglia, Monte Cerignone, Monte Porzio, Pesaro, Petriano, Peglio, Pietrarubbia, Piobbico, Saltara, San Costanzo, Sant’Angelo in Vado, Sassofeltrio, Tavullia, Urbino, Urbania e Vallefoglia.

Quelli che si sono astenuti: Auditore, Barchi, Cagli, Cantiano, Cartoceto, Fano, Fossombrone, Fratte Rosa, Mombaroccio, Mondolfo, Monteciccardo, Montecopiolo, Montefelcino, Montelabbate, Montemaggiore, Orciano, Piagge, Piandimeleto, San Giorgio di Pesaro, San Lorenzo in Campo, Sant’Ippolito, Sassocorvaro, Serra Sant’Abbondio e Serrungarina.

Il sindaco di Pergola non ha votato. Assenti Montegrimano e Tavoleto (comune commissariato).

(nella foto in alto Gambini, in quella in basso alcuni sindaci presenti)

sindaci-aera-vasta1