Furti a ripetizione a Cagli. L’amministrazione chiede di intensificare i controlli in tutto il territorio e fondi per le telecamere

Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Furti a ripetizione nelle abitazioni a Cagli e nei centri vicini. La gente è preoccupata e il Comune prontamente si sta muovendo per cercare soluzioni efficaci per porre fine ad una situazione a dir poco drammatica.
“L’amministrazione comunale, si legge nella nota pubblicata su Fb, a fronte dei ripetuti furti avvenuti nelle ultime settimane, ha ribadito e preteso con forza sia pubblicamente che in incontri istituzionali, il bisogno di intensificare i controlli in tutto il nostro territorio. Inoltre ha istituito fin da subito un tavolo tecnico con tutte le forze dell’ordine locali, le quali, nel limite delle loro possibilità, hanno espresso la volontà di coordinare dati e informazioni in modo da poter migliorare la presenza ed il controllo in tutto il territorio. Siamo veramente grati alle forze dell’ordine per l’impegno e la serietà con cui stanno svolgendo il loro lavoro.
Allo stesso modo vogliamo ringraziare il gruppo di ragazzi che volontariamente tutte le sere segnalano movimenti e macchine sospette. La collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine è importante e fondamentale per porre fine a questi brutti episodi. L’amministrazione dal canto suo sta cercando di anticipare in parte un progetto ampio già in cantiere da tempo, che per carenza di fondi non è stato ancora avviato, e che include l’acquisto di telecamere di sicurezza con lettura targa. Questo ed altri strumenti permetterebbero ai carabinieri di identificare veicoli rubati in tempo reale e quindi fermare all’origine ipotetici furti. Stiamo cercando in questi giorni le risorse e ci auspichiamo di poter annunciare a breve l’acquisto di queste telecamere.
Ci auspichiamo che l’atteggiamento di tutti sia responsabile, costruttivo e finalizzato, ognuno per quanto di competenza, a cercare soluzioni al problema lasciando da parte inutili e sterili polemiche. Vi terremo aggiornati”.

(Fonte:Comune di Cagli, foto: sindaco Alessandri)

Cosa ne pensi? Lascio un commento!